Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

L’UE contro Facebook in tutela della privacy

Parte dall’Irlanda la sfida al colosso dei social network. A lanciarla è Max Schrems, viennese di 24 anni, studente di legge.

Venuto a conoscenza che tutti gli utenti di Facebook che non sono residenti negli Usa o in Canada (circa il 70% del totale) fanno riferimento alla sede irlandese del colosso.

Stando a Dublino, Facebook deve far riferimento alle leggi irlandesi in materia di privacy, ben più rigide e precise di quelle americane. Inizia così la sua piccola campagna a fronte di 22 violazioni che individua nel comportamento del social network, accolte, il 24 agosto 2011, dalla DPC (Data Protection Commissioner) irlandese.

Europa vs Facebook

Parte così l’avventura di Europe versus Facebook. Schrems e due colleghi studenti compilano l’apposito modulo di Facebook per richiedere i propri file personali, ricevono in risposta dei pdf di 780, 1142 e 1222 pagine.
I file contenevano di tutto, dai dati personali, messaggi, note, amici bannati, i nickname precedenti, i vecchi indirizzi mail associati al profilo, tag e foto cancellate.
Una marea di informazioni che secondo la legge Europea dovevano essere cancellate, ma che Facebook continuava a conservare.

Io penso che sia uno scandalo – continua il ragazzo – che loro dicano agli utenti che possono rimuovere facilmente i contenuti, se lo vogliono, ma in realtà continuino a conservarli. Da come la vedo io, stanno semplicemente prendendo in giro le persone.

Sono 22 le violazioni riscontrate alla politica sulla privacy europea. Tra tutti i reclami, uno di quelli a cui Schrems tiene di più è quello del “opt-out”. Nelle impostazioni di Facebook infatti il profilo attiva le scelte di condivisione più ampie (pubbliche), da cui un utente si deve “de-selezionare” se vuole mantenere private le proprie informazioni.

Ma la direttiva europea prevede l’”opt-in” anziché l’”opt-out”, ovvero il fatto che se io voglio un’opzione la devo scegliere volontariamente, non devo esservi iscritto in maniera coatta per poi ricordarmi di deselezionare l’elemento. Ecco così un’altra violazione su cui si scagliano i tre studenti viennesi.

Io penso che noi dobbiamo migliorare i nostri social media, non ignorarli – dice Schrems – Io voglio rendere Facebook migliore. Mi piacciono i social network, li uso, ma non voglio che solo perché sono giganti possano fare un uso improprio dei nostri dati personali.

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa