Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Dammi la password di Facebook e ti do un lavoro

Dammi la password di Facebook e ti do un lavoroNegli USA si diffonde a macchia d'olio la pratica di chiedere ai propri dipendenti i dati di accesso ai social network, pena la mancata assunzione.

Le aziende a stelle e strice stanno approfittando del particolare momento di crisi, costringendo i candidati a dichiarare username e password dei social network per poter indagare sul passato dei futuri collaboratori.

Pare che, negli USA, alcuni incaricati di selezionare il personale abbiamo l'abitudine di scandagliare il web alla ricerca di informazione sui candidati facendo ricorso anche a software che sniffano informazioni da internet e dai social network.

Altri invece chiedono ai candidati di accedere ai loro profili social direttamente dai computer aziendali durante il colloquio. Un eventuale rifiuto viene interpretato come la volontà di nascondere qualcosa, non come il desiderio di proteggere la propria privacy.

Sull'argomento è intervenuto anche il portavoce di Facebook dichiarando che fornire le credenziali personali di accesso al social network è contrario al regolamento dello stesso e ribadendo che secondo la legge americana è illegale fornire i propri dati di accesso a profili web di qualsiasi genere.

Nel frattempo, negli USA, la Federal Communication Commission sta valutando la possibilità di creare una legge che impedisca ai datori di lavoro di chiedere ai propri dipendenti i dati di accesso ai social network.

Voi sareste disposti a dare i vostri dati di accesso ai social network in cambio di un lavoro?

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa