Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Anonymous - il fenomeno di protesta della rete - Recenti

Attività recenti

Operazione Darknet

 

 

 

 

Lanciata il 14 ottobre 2011, l'Operazione Darknet è la sfida di Anonymous alla pedopornografia online. Dopo soli 10 giorni dall'inizio dell'operazione Anonymous scovò una serie di siti facenti parte di una lista chiamata "hard candy", siti nascosti e non indicizzati dai motori di ricerca. I siti scovati sono stati attaccati e cancellati. I dati contenuti, relativi a circa 1500 pedofili, sono stati pubblicati e forniti alle autorità competenti che hanno poi eseguito indagini ed arresti.

Il sacco di Natale

Sito della Statfor offline

La mattina di Santo Stefano, 26 dicembre 2011, gli attivisti di Anonymous hanno attaccato il sito della Statfor Global Intelligence, agenzia di sicurezza informatica, rubando circa 200 GB di dati relativi a conti e carte di credito dei clienti dell'azinda texana. Con i codici delle carte di credito sottratte Anonymous ha donato in beneficienza circa un milione di dollari ad organizzazioni come la Croce Rossa e Save the Cildren. (leggi Anonymous attacca a Natale ed elargisce 1 milione di dollari in beneficienza).

Operazione Italia

Il 12 Gennaio 2012 Anonymous ha attaccato il sito ufficiale del Governo Italiano, rendendolo inaccessibile per alcune ore dopo un attacco Ddos (leggi il nostro articolo Anonymous, attacco a Governo.it). Anonymous accusa il nuovo Governo Monti di aver solo parlato di equità, giustizia sociale e rigore ma di non aver ancora fatto nulla a riguardo.

Operazione Megaupload

Il 19 Gennaio 2012, in rappresaglia alla chiusura di Megaupload e Megavideo ad opera dell'FBI gli Activisti di Anonymous hanno eseguito una serie di attacchi contro siti governativi e di major riconducibili alla battaglia per l'approvazione delle leggi SOPA e PIPA. (leggi anche il nostro articolo Anonymous, rappresaglia contro la chiusura di Megaupload)

Oscuramento del sito Vojont.info

A metà febbraio 2012, su richiesta dell'Avv. Maurizio Paniz, viene oscurato dalle autorità giudiziarie il sito Vojont.info reo, secondo Paniz, di averlo diffamato con alcune affermazioni. Per risposta, Anonymous Italia, il 20 febbraio 2012, ha attaccato e defacciato il sito di Paniz pubblicando la frase "Se la mafia fosse una montagna, scillipoti (sic) e paniz sarebbero due guide alpine".

 

Fonti:

 

Articoli correlati:

Anonymous minaccia di bloccare Internet il 31 Marzo

Anontune un servizio web per ascoltare e condividere la musica creato da Anonymous

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa