Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Il Parlamento UE approva una direttiva che introduce la censura preventiva dei contenuti internet

Il Parlamento UE approva una direttiva che introduce la censura preventiva dei contenuti internet

Il Parlamento ha approvato la direttiva 2016/0280(COD) sul diritto d'autore nel mercato unico...

Recuperare i file persi, cancellati o formattati con EaseUS Data Recovery Wizard Free 12.0 - Guida e Recensione

Recuperare i file persi, cancellati o formattati con EaseUS Data Recovery Wizard Free 12.0 - Guida e Recensione

Continua il nostro viaggio tra i software per il recupero dei file persi, cancellati o formattati...

Come ottenere una casella di posta elettronica criptata

Come ottenere una casella di posta elettronica criptata

Quello della sicurezza delle comunicazioni è un problema in voga in questo periodo. Le nostre...

Recuperare dati e file persi dallo smartphone

Recuperare dati e file persi dallo smartphone

 A chi non è capitato di avere problemi con lo smartphone e di trovarsi improvvisamente...

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

  • Il Parlamento UE approva una direttiva che introduce la censura preventiva dei contenuti internet

    Il Parlamento UE approva una direttiva che introduce la censura preventiva dei contenuti internet

  • Recuperare i file persi, cancellati o formattati con EaseUS Data Recovery Wizard Free 12.0 - Guida e Recensione

    Recuperare i file persi, cancellati o formattati con EaseUS Data Recovery Wizard Free 12.0 -...

  • Come ottenere una casella di posta elettronica criptata

    Come ottenere una casella di posta elettronica criptata

  • Recuperare dati e file persi dallo smartphone

    Recuperare dati e file persi dallo smartphone

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Anonymous - il fenomeno di protesta della rete - Attività ed iniziative

Attività ed iniziative

Anonymous

Premettiamo che quelle riportate ora sono alcune delle azioni attribuite ad Anonymous per auto-rivendicazione o perchè attribuitegli dai media.

2006 Great Habbo Raid

La prima iniziativa di un certo spessore è stato l'attacco al famoso social network Habbo, la cui struttura ricorda quella di un hotel virtuale e gli utenti hanno un approccio tipo "The Sims".
La scintilla che fece scattare gli utenti di Anonymous fu la notizia che un parco divertimenti dell'Alabama aveva impedito ad un bambino affetto da AIDS di immergersi in piscina. Il 12 luglio 2006 i membri di Anonymous si presentarono su Habbo tutti con la medesima skin, un uomo di colore con abito grigio e pettinatura afro, impedendo l'accesso alla piscina dichiarando "pool's closed due to aids", piscina chiusa a causa di AIDS. In più intasarono le chat del social network con frasi senza senso, disponendosi in ultimo come a disegnare una svastica.
I moderatori di Habbo furono costretti a bannare tutti gli utenti con quella skin e continuarono a farlo per molti giorni dopo l'evento.
Quest'iniziativa si ripete con cadenza annuale sempre il 12 luglio.

Guarda il video su YouTube

Arresto di Chris Forcand

Il 7 dicembre 2007, viene pubblicata la notizia dell'arresto di Chris Forcand, presunto "predatore di internet". Forcand venne poi condannato con per addescamento, via internet, e tentate molestie ad un ragazzino di 14 anni. Il Toronto Sun, quotidiano Canadese, pubblicando la notizia dichiarò che l'uomo era da tempo seguito da alcuni "cyber vigilanti" alla ricerca di pedofili sulla rete.

Anche il Global Television Network, trattò la notizia, identificando nei componenti di Anonymous la cellula di cyber vigilanti che aveva condotto la polizia all'arresto di Forcand.

 

Operazione Chanology

Anonymous proteste davanti alle chiese di ScientologyNel 2008 il movimento di Anonymous salì alla ribalta dei media per l'Operazione Chanology, una protesta contro la Chiesa di Scientology accusata di aver, a più riprese, tentato di rimuovere da internet il video una pubblicizzatissima intervista rilasciata da un membro di Scientology, l'attore Tom Cruise.
L'operazione è stata pubblicamente lanciata con un video "Message to Scientology" pubblicato su YouTube il 21 gennaio 2008. Nel suo messaggio Anonymous accusava la chiesa di Scientology di essere litigiosa e di condurre campagne di disinformazione di soppressione del dissenso. Per questi motivi Anonymous dichiarava, per il bene dei seguaci di Scientology e dell'umanità intera, di voler cacciare da Internet Scientology e di eseguire azioni atte a smantellare sistematicamente la chiesa nella sua attuale forma.

Questo video venne poi seguito, nei mesi, da attacchi DoS ai siti legati alla chiesa di Scientology, da fax in bianco, scherzi telefonici e tutta una serie di azioni destinate a disturbare l'operatività di Scientology.

Il 27 gennaio 2008 su YouTube appare un nuovo video "Call to Action" che annunciava nuove proteste davanti alle chiese di Scientology.
Il 10 febbraio 2008, 7000 persone in 93 città del mondo, si radunarono davanti alle chiese di Scientolgy per protestare contro le sue pratiche. A questi picchetti gli hacktivisti di Anonymous si presentarono mascherati da Guy Fawkes, per burla ma anche per timore di rappresaglie da parte della chiesa di Scientology.
Questi picchetti si riproposero anche il 15 marzo ed il 12 aprire del 2008 con affluenza molto simile.

A dicembre 2009, il concorso "Scientolgy Sucks: A Contest" offriva 1000$ a chi avesse fatto lo scherzo (legale) più bello ad una chiesa di Scientolgy. Il premio venne vinto dal video Scientology's Secret Nazi Ties in cui il protagonista travestito da nazista sfila e prega innanzi ad una chiesa si Scientology. Il secondo premio, 300$, venne vinto dal video Total Freedom, il terzo premio, 75$, andò al video Cults.

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa