Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Reclutati nei paesi più poveri, risolvono Captha per pochi spiccioli

Decifrano captcha per pochi spiccioliNel Web i captcha sono il sistema più diffuso ed apprezzato per arginare lo spam sui siti web. Consistono in una serie di caratteri scritti in modo distorto, che risultano comprensibili ad un utente, ma ingestibili per qualsiasi bot.

Purtroppo pare che alcune aziende stiano riuscendo ad arginare il problema assoldando un esercito di decifratori di captcha.

Nei paesi più poveri, aziende come la russa KolitiBablo offrono ricompense a chi invia soluzioni ai captcha.

Si tratta di un lavoro semplice e che si può fare anche da casa, ma veramente sottopagato. Dalle notizie trapelate pare che i decifratori di captcha vengano pagati dai 0,35$ ad 1$ ogni 1000 captcha decifrati (il compenso viene versato su conti WebMonei), eppure ci sono persone che accettano di buon grado di fare questo tipo di lavoro.

Sul sito della KolitiBablo si legge:

Probabilmente penserete che usare delle risorse umane sia inappropriato o inumano. Tuttavia, ricordate che paghiamo la maggior parte del denaro guadagnato a lavoratori che risiedono negli angoli più poveri del nostro pianeta, e questo lavoro fornisce loro una possibilità stabile di acquistare cibo e vestiti per sé stessi e i loro familiari. La maggior parte del nostro staff si trova in Cina, India, Pakistan e Vietnam

Quasi la loro fosse una missione umanitaria.

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa