Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Perchè non acquisterò più un tablet ASUS, (Quanto costa riparare un Nexus 7)

Perchè non acquisterò più un tablet ASUS, (Quanto costa riparare un Nexus 7)Se si parla di Tablet Android è ovvio pensare ad un ASUS Nexus 7, probabilmente il miglior tablet 7 pollici in circolazione con in più un firmware sempre aggiornatissimo perchè seguito direttamente da Google.

Capita spesso che amici, conoscenti e utenti di questo sito, mi chiedano un consiglio su un qualsiasi prodotto tecnologico, personalmente oltre alle caratteristiche tecniche ritengo sempre importante valutare, a parità di prezzo e prestazioni, la qualità dell’assistenza clienti e del servizio tecnico.

Sino ad oggi, se mi avessero chiesto un’opinione su un prodotto ASUS sarebbe senz’altro stata positiva, ma come ho già detto sino ad oggi.

Torniamo un po’ indietro. Fino al mese scorso ero il felice possessore di un ASUS Nexus 7 16GB, quello che tutt’ora considero il miglio tablet 7 pollici sul mercato.
Purtroppo, dalla sera al mattino (nel vero senso della parola), ho avuto problemi. Non era possibile ricaricare il tablet e come se non bastasse si sentiva un odore di bruciato nella zona dei connettori.
Disponendo ancora di 20 mesi di garanzia ASUS, ho deciso di mandare il tablet in assistenza.

È importante sapere che ASUS non ha centri sul territorio e l’unico modo di mandare un tablet in assistenza presso un centro accreditato è quello di passare attraverso il loro sito web, aprire un ticket ed in 24/48 ore un corriere viene a domicilio a ritirare il tablet.
Seguita tutta la procedura alla lettera il mio Nexus 7 parte ed dopo due giorni è presso il centro assistenza di Brno (Repubblica Ceca).

Avendo un po’ di esprienza di elettronica, smartphone, tablet e simili, i sintomi mi avevano fatto pensare ad un po’ di ossidazione interna. In generale la cosa fa decadere la garanzia su dispositivi come tablet e smartphone, ma ho deciso di inviarelo comunque.

Considerato che:

  • il tablet nuovo costa 219€ (Google Shopping);
  • ASUS vende Nexus 7 16GB ricondizionati a 179€ (su shop.asus.it);
  • produrre un Nexus 7 divrebbe costare ad ASUS circa 184$ (circa 145€, fonte HDblog.it)

credo fosse lecito aspettarsi un preventivo che non superasse i 150€ più qualche spesa.

Personalmente confidavo nel fatto che ASUS avrebbe provveduto alla riparazione in garanzia o che al massimo, se avesse ritenuto il danno fuori garanzia, mi avrebbe proposto una riparazione ad un prezzo accettabile (visto soprattutto il costo di un Nexus 7 nuovo).

E qui la sorpresa. Dopo circa una settimana dal centro assistenza di Brno mi arriva questa email.

Gentile cliente,

Il laboratorio tecnico ha rilevato un problema sul prodotto da lei inviato in assistenza non ottemperato dalla garanzia Asus, per questo motivo trova in allegato il preventivo di spesa.

La preghiamo di rispondere a questa mail in senso positivo o negativo in modo da poter proseguire con la pratica.

In attesa di un suo gentile riscontro, porgiamo cordiali saluti,

Customer Care ASUS

Con allegate due immagini del tablet aperto (che allego a questo articolo) ed il preventivo citato nella mail.

Perchè non acquisterò più un tablet ASUS, (Quanto costa riparare un Nexus 7)

Perchè non acquisterò più un tablet ASUS, (Quanto costa riparare un Nexus 7)

Come si vede dalle foto, il tablet era malconcio, e ci terrei a chiarire che non voglio polemizzare sul fatto che ASUS non abbia considerato in garanzia il mio Nexus 7, bensì sul preventivo che mi è arrivato in allegato alla sopracitata mail.

Infatti quando ho aperto il preventivo sono rimasto letteralmente senza parole, 468.14 Euro.

Dopo un attimo di sbandamento nel quale mi sono domandato se ci fosse stato un errore, se fossi io ad aver bisogno di una visita oculistica o se il mio pc stesse iniziando a dare i numeri sono scoppiato in una fragorosa risata.

Ma vediamo di capire come erano arrivati a chiedere 468.14€ per riparare un Nexus 7 da 16GB che ne varrebbe 219 di Euro.

Main Board 141.15 €
Batteria 9.69 €
Connettore MicroUSB e Jack Audio 3.34 €
Fotocamera frontale 3.18 €
Speaker 3.31 €
Monitor TFT LCD + Cornice 113.00 €
Modulo GPS, WiFi, NFC 5.37 €
Tasti Volume ed Accensione 18.73 €
Frame supporto componenti 3.71 €
LCD FPC 1.24 €
SUB FFC 17.47 €

In totale 320.19 € di soli componenti, ai quali bisogna aggiungere 40.95€ di trasporto e 25.75€ per la manodopera.
Aggiungiamo il 21% di tasse e siamo arrivati ai famosi 468.14€ di cui sopra.

Perchè non acquisterò più un tablet ASUS, (Quanto costa riparare un Nexus 7)

Ora, io mi domando_

  1. A fronte di un prodotto del valore di 219€ si possono chiedere 468.14€ di riparazioni fuori garanzia?
  2. Può un’azienda come ASUS trascurare il valore di mercato di un suo prodotto al momento di preventivarne la riparazione?
  3. Possibile che Google (per cui ASUS produce i Nexus 7) permetta una cosa simile?
  4. Possibile che Big G non abbia monitorato anche quest’aspetto, fondamentale per la soddisfazione di un cliente?

Personalmente avrei preferito che l’assistenza clienti mi avesse detto in modo diretto

Ragazzo mio, buttalo via e non ci pensare più!

o che magari mi avesse proposto un Nexus 7 rigenerato.

Sono dell’opinione che aziende di questo livello non possano permettersi figure del genere, perchè, come nel mio caso, viene a mancare l’ottima opinione che si può avere di un prodotto e di chi lo produce.

Molto più saggia, da questo punto di vista, è la politica Apple. Se un iPhone, iPad o iPod viene inviato in assistenza, al cliente viene subito detto che se il danno è troppo elevato il prodotto può essere sostituito con uno rigenerato ad un prezzo fisso stabilito dalla casa madre (che non supera di certo quello dello stesso prodotto acquistato nuovo).

Per il momento non acquisterò altri prodotti ASUS, troppo scottante è stata questa vicenda, e se qualcuno verrà a chiedermi consiglio su un prodotto ASUS probabilmente mi vedrà fare qualche smorfia ripensando al preventivo ricevuto.

Ovviamente ho risposto negativamente all’email del centro assistenza ASUS, piuttosto acquisterò un tablet di un altro produttore, o magari 2 (con 468.14€ penso di riuscirci).

Spero che questa mia avventura possa aiutare i lettori di questo sito a fare scelte ponderate.

Quando deciderete di acquistare un tablet o uno smartphone valutate anche il servizio assistenza clienti e l'assistenza tecnica per non incappare in spiacevoli avventure.

 

Se avete avuto disavventure simili, anche con altri produttori vi invito a lasciare il vostro commento a tutto favore di quanti sono alle prese con la scelta di un tablet o di uno smartphone.

Gino Giorgetti
Author: Gino Giorgetti
CEO e fondatore di MrInformatica.eu sono appassionato di informatica sin dall'eta' di 6 anni quando ebbi tra le mani il primo Commodore 16. Chi mi conosce mi da dell'Android Fan, ed ha ragione! Sono un sostenitore del Rasberry Pi e di Firefox OS

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa