Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

P2P legale in Portogallo, ma senza scopo di lucro

P2P legale in Portogallo, ma senza scopo di lucroLa condivisione di file multimediali protetti da copyright (film, brani musicali ecc) è legale a patto che non ci sia scopo di lucro.

Lo ha deciso la Procura Nazionale Portoghese, in risposta ad una denuncia dell'ACAPOR, associazione che racchiude le aziende che producono e commercializzano musica e film in Portogallo (la SIAE portoghese).

Una decisione simile era stata presa anche dal Consiglio Federale Svizzero che aveva sentenziato che scaricare contenuti audiovisivi coperti da copyright, per uso personale non è reato.

Lo scorso anno l'ACAPOR aveva depositato presso la Procura Nazionale oltre 2 mila indirizzi IP di utenti accusati di aver condiviso file protetti da copyright mediante i comuni mezzi di P2P.

La Procura Nazionale Portoghese si è pronunciata lo scorso lunedì, sentenziando che la condivisione ad uso personale e senza scopo di lucro di contenuti coperti da copyright non può essere considerata reato.

  1. Due i punti cardine della decisione:
  2. La condivisione per uso personale di file protetti da copyright non è reato

Un indirizzo IP non identifica univocamente una persona

A questo va aggiunto, che secondo la Procura Nazionale Portoghese, se un utente viene scoperto a condividere illegalmente dei contenuti coperti da copyright, per poterlo perseguire legalmente è necessario che l'autore dei contenuti dichiari esplicitamente che non autorizza la copia ad uso personale.

Dal punto di vista giuridico, pur tenendo conto del fatto che gli utenti agiscono sia da uploader che downloader nelle reti file-sharing, la condotta è lecita, anche se continuano a condividere una volta che lo scaricamento è completato.

Questo il punto di vista della Procura.

La reazione dell'ACAPOR non si è fatta attendere dichiarando che la Procura ha solo salvaguardato i propri interessi e così evitato di dover inviare 2 mila lettere, ascoltare 2 mila persone ed analizzare 2 mila computer.

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa