Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

MegaUpload e MegaVideo chiusi

MegauploadIl più famoso sito di file sharing e di videostreaming è stato chiuso in seguito all'ordinanza dell' FBI e del Dipartimento di Giustizia americano e al relativo arresto del fondatore Kim Schmitz (che rischia 50 anni di carcere) e di altri tre soggetti.

Secondo l'FBI l'uso della maggiorparte dei file caricati sui server dai membri (e quindi scaricati), tra i quali film e musica, è illegale in quanto la maggior parte di essi sono protetti da diritti di copyright. Lo scopo del sito infatti era quello di permettere l'archiviazione e la condivisione di file troppo grandi per poter essere spediti via email. L'attività di MegaUpload e MegaVideo avrebbe causato un mancato profitto di circa 500 milioni di dollari ai detentori dei diritti di copyright e un guadagno illegale di oltre 175 milioni.

Naturalmente è esplosa la protesta degli utenti e dei naviganti come è accaduto anche in seguito all'oscuramento per 24 ore di Wikipedia. Anche Anonymus si è fatto "sentire" attaccando i siti dei più importanti enti governativi americani.

Un grosso colpo allo streaming online e al P2P.

Giuseppe Gallucci
Author: Giuseppe Gallucci

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa