Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Facebook down 05/12/2018

Facebook down 05/12/2018

"Si è verificato un errore imprevisto. Prova a effettuare nuovamente l'accesso."Con questo...

Il Parlamento UE approva una direttiva che introduce la censura preventiva dei contenuti internet

Il Parlamento UE approva una direttiva che introduce la censura preventiva dei contenuti internet

Il Parlamento ha approvato la direttiva 2016/0280(COD) sul diritto d'autore nel mercato unico...

Recuperare i file persi, cancellati o formattati con EaseUS Data Recovery Wizard Free 12.0 - Guida e Recensione

Recuperare i file persi, cancellati o formattati con EaseUS Data Recovery Wizard Free 12.0 - Guida e Recensione

Continua il nostro viaggio tra i software per il recupero dei file persi, cancellati o formattati...

Come ottenere una casella di posta elettronica criptata

Come ottenere una casella di posta elettronica criptata

Quello della sicurezza delle comunicazioni è un problema in voga in questo periodo. Le nostre...

Recuperare dati e file persi dallo smartphone

Recuperare dati e file persi dallo smartphone

 A chi non è capitato di avere problemi con lo smartphone e di trovarsi improvvisamente...

  • Facebook down 05/12/2018

    Facebook down 05/12/2018

  • Il Parlamento UE approva una direttiva che introduce la censura preventiva dei contenuti internet

    Il Parlamento UE approva una direttiva che introduce la censura preventiva dei contenuti internet

  • Recuperare i file persi, cancellati o formattati con EaseUS Data Recovery Wizard Free 12.0 - Guida e Recensione

    Recuperare i file persi, cancellati o formattati con EaseUS Data Recovery Wizard Free 12.0 -...

  • Come ottenere una casella di posta elettronica criptata

    Come ottenere una casella di posta elettronica criptata

  • Recuperare dati e file persi dallo smartphone

    Recuperare dati e file persi dallo smartphone

Il Congresso USA blocca Huawei e ZTE, perché troppo cinesi

Il Congresso USA blocca Huawei e ZTE, perché troppo cinesiHuawei e ZTE sono due delle maggiori aziende cinesi per la produzione di smartphone, tablet ed attrezzatura per le telecomunicazioni più in generale.

Da qualche tempo, questi due colossi stanno investendo molto anche per espandersi in Europa ed negli USA, ma proprio dal paese a stelle e strisce è arrivata un'inaspettata battuta d'arresto ad opera del Congresso.

Il Congresso di Washington ha deciso di bloccare su tutto il territorio USA la vendita di prodotti Huawei e ZTE perchè queste due aziende sono troppo cinesi.

Proviamo ad usare le parole contenute nel rapporto per spiegare la decisione USA.

«Sulla base di informazioni pubbliche e rivelazioni private, non è possibile escludere che Huawei e ZTE siano libere da influenze statali del Governo Cinese e dunque potrebbero rappresentare una minaccia alla sicurezza degli Stati Uniti d’America e dei suoi sistemi.»

Questo significa, che gli USA, non sono in grado di dire se all'interno di queste due aziende, ex-parastatali, ci possano essere delle influenze provenienti dal Governo di Pechino, cosa che è considerata altamente pericolosa per la sicurezza delle telecomunicazioni americane.

Il timore quindi è quello dello spionaggio da parte del Governo di Pechino.

Bisogna dire che questo non è un caso isolato, già a Marzo di quest'anno il Governo Australiano aveva eliminato la Hyawei da un bando nazionale per l'ammodernamento dei sistemi di telecomunicazioni, perchè consideravano l'azienda troppo cinese.

Una vicenda da seguire, anche perchè il Governo di Pechino si è subito fatto sentire sulla faccenda, con dichiarazioni piene di sdegno.

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa