Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

ICANN, grande apertura sui domini di 1° livello, ora anche nomi in alfabeto arabo e cinese

ICANNStorica decisione dell'ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) che ha deciso di aprire i domini di 1° livello anche ai nomi in alfabeto arabo e cinese.

Si tratta di uno dei più significativi cambiamenti nella storia di internet, forse anche più del WEB 2.0.

Dal 12 gennaio la Icann accetterà richieste di nomi di dominio di primo livello (TLD, top level domain).

Vedremo fiorire un numero, potenzialmente infinito, di suffissi Web di ogni tipo. Le uniche limitazioni saranno dettate dall'essere disposti a pagare 145.000 Euro e superare una rete di controlli pensati da Icann per evitare frodi o simili.

Attualmente per i domini si può scegliere solo tra 16 estensioni (escluse le sigle nazionali come .it) e l'unico modo di digitare un URL è quello di usare i caratteri latini.

Dal 12 gennaio e sino al 12 aprire, sarà possibile a stati, aziende e comunità richiedere e gestire un'estensione di dominio a scelta. Altra particolarità è che per queste estensioni non è prevista alcuna limitazione di alfabeto, quindi potrebbero essere rilasciati anche domini in alfabeto cinese, arabo, cirillico ed altro.

Sarà poi Icann, in collaborazione con l'Interpol, verificare l'attendibilità dei richiedenti ed eventuali richieste indebite.

Non mancano le critiche e le obbiezioni. In testa alla battaglia contro la liberazione dei nomi domini il congresso USA con il senatore democratico Jay Rockefeller che ha chiesto a Icann di limitare drasticamente il numero dei nuovi domini, mentre il presidente della Federal Trade Commission, Joe Leibowitz, è arrivato a definire il provvedimento come un potenziale disastro e una porta d'accesso alle frodi online.

Fonte: Icann lancia la nuova internet - Domini aperti e multi-codice

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa