Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Greenpeace denuncia "Il Coud Computing inquina"

La nuvola inquina!

Greenpeace denuncia A denunciarlo è GreenPeace in un periodico dal nome How Clean is Your Cloud? (Quanto è pulita la tua nuvola?) in cui viene mostrato come molte grandissime aziende del comparto tecnologico utilizzino per la maggior parte energie non rinnovabili per alimentare i data center dei loro sistemi di cloud computing.

Tra le aziende coinvolte spiccano Apple, Amazon, Oracle e Twitter.

Fa pensare che «forme d'energia del 19esimo secolo per alimentare la nuvola del 21esimo».

I data center per il cloud computing consumano moltissima energia, molta della quale prodotta con combustibili fossili.

È un problema crescente. Se la nuvola fosse una nazione, arriverebbe dritta al quinto posto nel mondo per consumo d'elettricità. La domanda energetica globale arriverà a triplicare nell'anno 2020.

Secondo i dati diffusi da GreenPeace alla Apple andrebbe il primo posto per lo sfruttamento di energia da combustibili fossili, con il 55% del totale consumato dalla nuvola di Cupertino.

Ad Amazon invece il titolo di data center nucleare, con il 30% dell'energia consumata prodotta da centrali nucleari.

Nel periodico non manca l'indicazione delle aziende virtuose, come Dell e Google che utilizzano per i loro data center più del 60% di energia da fonti rinnovabili.

La denuncia di GreenPeace è correlata da tre video spot che in maniera ironica mostrano il cloud compunting di alcune grandi aziende alimentato a carbone da tre operai.

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa