Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Google oscurerà le ricerche verso siti incriminati di pirateria

Google oscurerà le ricerche verso siti incriminati di pirateria

Da qualche tempo Google è nel mirino delle major cinematografiche e musicali perchè sarebbe colpevole di favorire la pirateria e la violazione del copyright. Anche il magnate delle telecomunicazioni Rupert Murdoch si è scagliato più volte contro Big G.

Qualche settimana fa in Francia sono stati attivati dei filtri alle ricerche di Google per oscurare le ricerche che includevano termini come Megaupload, torrent o altre keyword riconducibili alla pirateria ed alla violazione del copyright.

Per porre rimedio a queste contestazioni Google darà un giro di vite alle ricerche legate a siti di pirateria.

Si tratta di un'iniziativa di Big G che intende ridurre drasticamente la visualizzazione di link riconducibili a siti che potrebbero essere incriminati per pirateria.

Verranno implementati specifici filtri da aggiungere agli algoritmi di ricerca che impediranno la visualizzazione di link verso siti penalizzati per pirateria.

Un sito che riceverà notifiche per attività che violano il copyright verrà penalizzato e perderà posizioni nelle SERP di Google sino a venirne completamente eliminato.

A gioire della notizia sono solo le case discografiche, come la RIAA (Associazione americata dei discografici) che ha commentato

Oggi Google ha annunciato un cambiamento potenzialmente significativo nel proprio ranking di ricerca che può fare la differenza per i creatori: i siti soggetti ad un ampio numero di richieste di rimozione per violazione di copyright saranno classificati più in basso tra i risultati delle ricerche rispetto a prima. Questo comporterà un ranking migliore per i servizi musicali sotto licenza che pagano gli artisti e mettono a disposizione dei fan la musica che amano. Questo cambio è un passo importante nella giusta direzione – un passo che abbiamo chiesto urgentemente a Google ormai da tempo – e ci complimentiamo con il gruppo per questa iniziativa.

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa