Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Caso Megaupload, sempre più probabile una cospirazione

Caso Megaupload, sempre più probabile una cospirazioneSi fa sempre più reale la probabilità che il caso Megaupload sia una Mega Conspiracy.

Stamane la Corte Suprema della Nuova Zelanda, chiamata a decidere sull'estradizione di Kim Dotcom, ha stabilito che i mandati di perquisizione usati dall'FBI per perquisire la casa del boss di Megaupload e per trarlo in arresto, non sono validi.

Un ulteriore colpo alle autorità USA impegnate nel caso, dopo che già a fine aprile era saltato il processo per un vizio giuridico.

Secondo il giudice Helen Winkelmann i mandati utilizzati sono generici, cioè non riporterebbero il dettaglio del reato di cui sarebbe accusato Kim Dotcom e con lui il sito di file sharing Megaupload, e per ciò non validi nel caso specifico.

Nella sentenza si legge anche

... i dati contenuti nei computer requisiti dall'FBI nell'abitazione neozelandese del fondatore di Megaupload sarebbero stati ottenuti illegalmente, e non dovevano essere portati al di fuori del Paese...

... le copie dei dischi rigidi inviate negli USA dall'FBI violano l'articolo S49 del MACMA (Mutual Assistance in Criminal Matters Act) il quale prevede che gli oggetti sequestrati debbano rimanere sotto il controllo del commissario di polizia locale...

Obbligatoria, in questo caso, la richiesta di restituzione da parte delle autorità Neozelandesi di tutto ciò che è stato sequestrato dall'FBI.

L'intervento del giudice Winkelmann si conclude con un pensiero sull'intervendo delle squadre speciali USA in casa del fondatore di Megaupload definendo l'azione irragionevole.

Ovviamente la reazione di Kim Dotcom non si è fatta attendere, sul suo profilo Twitter sono apparsi molti tweet che rimandavano all'esito della sentenza.

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa