Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

Dopo le varie vicissitudini dello Stonex One, annunciato in pompa magna, ma che ha lasciato...

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

Economico, bello e con un'autonomia impressionante. Stiamo parlando del nuovo ASUS Zenfone 3...

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

  • Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

    Torna lo Stonex One, ma ora si chiama SANTIN #Dante

  • ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

    ASUS Zenfone 3 MAX - Recensione

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Anonymous attacca la Polizia Italiana rubando oltre 1 GB di dati

Anonymous attacca la Polizia Italiana rubando oltre 1 GB di datiCon un post apparso sul profilo Facebook dell'Operation Payback Italia, il noto collettivo di hacktivisiti chiamato Anonymous ha rivendicato un attacco ai server della Polizia Italiana.

Stando a quel che si legge nel post l'attacco avrebbe avuto esito positivo e sarebbero anche stati rubati più di 1 GB di dati e documenti, alcuni riservati.

Sul profilo Facebook e sul blog ufficiale si legge

Da settimane ci divertiamo a curiosare nei vostri server, nelle vostre e-mail, i vostri portali, documenti, verbali e molto altro. Siamo in possesso di una notevole mole di materiale: ad esempio documenti sui sistemi di intercettazioni, tabulati, microspie di ultima generazione, attività sotto copertura; file riguardanti i Notav e i dissidenti; varie circolari ma anche numerose mail, alcune delle quali dimostrano la vostra disonestà (ad esempio una comunicazione in cui vi viene spiegato come appropriarvi dell’arma sequestrata ad un uomo straniero senza incorrere nel reato di ricettazione). Il livello di sicurezza dei vostri sistemi, al contrario di quanto pensassimo, è davvero scadente, e noi ne approfittiamo per prenderci la nostra vendetta. Is there any problem, Officer?

Sempre sul profilo Facebook è possibile leggere

Piu' di 1GB di dati dai servers della polizia di stato Italiana rilasciati. Controllate il bottino :)

Anonymous attacca la Polizia Italiana rubando oltre 1 GB di datiTra i documenti si rubati ci sono manuali di formazione, verbali, identikit, schermate di posta elettronica, buste paga, modelli CUD, un dossier sui noTAV.

Si tratta di dati non d'importanza vitale, ma che mostrano quanto insufficienti siano i sistemi di sicurezza informatica in dotazione alle forze armate del Bel Paese.

Se non è il caso di dare risalto alle informazioni trafugate è certamente importante mettere in luce quanto fragile sia l'infrastruttura tecnologica Italiana.

Un'altra nota dolente di tutta la faccenda è la divulgazione di nomi e dati sensibili di persone, anche non appartenenti alla Polizia Italiana, che appaiono nei verbali delle denuncie o in altri documenti e che magari confidavano sulla riservatezza dei computer della Polizia.

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa